Le Vie del Sacro

Il nostro viaggio alla scoperta dell'arte sacra nei Castelli Romani comprende tre percorsi che nel loro insieme conducono a visitare le chiese più significative dal punto di vista storico-artistico che si trovano nel territorio.

Il primo percorso comprende i comuni situati a nord delle vie Anagnina e Tuscolana (rispettivamente SS 511 e 215); il secondo conduce nei paesi situati a sud delle suddette vie, fino alla Via dei Laghi (SS 217); infine il terzo ci porta a visitare i comuni che sorgono lungo la Via Appia (statale 7).

Primo percorso - Frascati, Monte Porzio Catone, Monte Compatri, Colonna, Rocca Priora

A Frascati converrà visitare innanzitutto la Chiesa di San Pietro Apostolo, Cattedrale della Diocesi Suburbicaria di Frascati, situata nella piazza principale del paese; vicinissima ad essa si trova la barocca Chiesa del Gesù, mentre in Piazza San Rocco si trova la Chiesa di Santa Maria in Vivario, che fu l'antica cattedrale.

A Monte Porzio Catone si visita l'imponente Duomo di San Gregorio Magno, mentre il suggestivo Eremo di Camaldoli, addossato alle pendici del Monte Tuscolo ed abitato da monaci di clausura, è accessibile solo ai visitatori di sesso maschile. 

A Monte Compatri si consiglia la visita del Convento e Pinacoteca di San Silvestro, situato al di fuori del centro abitato, in posizione panoramica. Accanto ad esso si trova il minuscolo . Infine, nella parte alta del paese si visita la Chiesa di Santa Maria Assunta, seicentesca ma più volte restaurata.

A Colonna si visita la chiesa barocca di San Nicola di Bari, che conserva dipinti di un certo interesse.

A Rocca Priora la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta è di origine quattrocentesca anche se più volte ristrutturata; nel centro del paese si visita anche il seicentesco Santuario della Madonna della Neve.

Secondo percorso - Grottaferrata, Marino, Rocca di Papa, Nemi

A Grottaferrata è imperdibile la visita dell'antica Abbazia di San Nilo, intorno alla quale sorse il primo nucleo abitato che poi diede origine al paese odierno.

A Marino si visita innanzitutto la seicentesca Chiesa di San Barnaba, patrono della città; poi, in Piazza Garibaldi, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, una delle più antiche della città  e la Chiesa del Santissimo Rosario, pregevole esempio di rococò romano; infine, lungo la strada che scende al Bosco Ferentano, si trova il piccolo Santuario della Madonna dell'Acqua Santa.

A Rocca di Papa, nel centro del paese, si trovano la rinascimentale Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta e l'attigua piccolissima Chiesa del Crocifisso, del XII secolo; invece all'uscita del paese si visita il Santuario della Madonna del Tufo, meta di pellegrinaggi.

A Nemi, affacciato sulla piazza all'ingesso del paese, si trova il venerato Santuario del Santissimo Crocifisso, mentre la bella Chiesa di Santa Maria del Pozzo è arroccata al centro del paese.

Terzo percorso - Castel Gandolfo, Albano Laziale, Ariccia, Genzano di Roma, Lanuvio, Velletri

A Castel Gandolfo, residenza papale, si visita la Collegiata Parrocchiale Pontificia di San Tommaso da Villanova, progettata dal Bernini; invece la Chiesa di Santa Maria di Palazzola, pur ricadendo nel Comune di Rocca di Papa, è raggiungibile più agevolmente da Castelgandolfo, lungo un sentiero che segue il bordo meridionale del Lago Albano.

Ad Albano Laziale si visita innanzitutto la Cattedrale di S. Pancrazio, patrono della città; poi l'antica Chiesa di San Pietro, lungo il corso principale e la Chiesa di San Paolo, di origine duecentesca ma notevolmente rielaborata in epoca settecentesca; ancora all'interno del centro abitato, merita sicuramente una visita l'interessante Santuario di Santa Maria della Rotonda; invece uscendo dal paese si visitano sia la Chiesa di Santa Maria della Stella, all'estremità meridionale dell'abitato, che la Chiesa dei Cappuccini, a nord-est del paese.

Ad Ariccia è irrinunciabile la visita alla Chiesa di Santa Maria Assunta, opera del Bernini; anche il Santuario di Santa Maria di Galloro, situato lungo la Via Appia verso Genzano, è stato ristrutturato dal Bernini.

A Genzano di Roma converrà visitare innanzitutto la Chiesa di Santa Maria della Cima, da dove parte la celebre Infiorata; poi anche il cosiddetto "duomo nuovo", cioè la Chiesa della Santissima Trinità e la Chiesa di S. Francesco, con l'annesso Convento dei Cappuccini; infine all'estremità meridionale del paese si trova la settecentesca Chiesa della Santissima Annunziata, il cui interno non è purtroppo visitabile. A Lanuvio si visita la seicentesca Collegiata di Santa Maria Maggiore.

A Velletri si visita innanzitutto la Basilica di S. Clemente, Cattedrale della Diocesi Suburbicaria di Velletri-Segni; non si può poi tralasciare la Chiesa di Santa Maria del Trivio, con l'elegante campanile gotico conosciuto come Torre del Trivio, uno dei simboli della città; fra le altre, numerose, antiche chiese veliterne, si possono visitare quelle di S. Martino, di Santa Lucia, di S. Michele Arcangelo.