Da vedere a Monte Porzio Catone


Villa Vecchia

L'attuale Hotel Villa Vecchia è ospitato in una delle dodici Ville Tuscolane, che appartenne al Cardinal Ranuccio Farnese e dal cui titolo cardinalizio (Sant'Angelo) derivò la sua prima denominazione di Villa Angelina.

Leggi tutto...

Museo Diffuso del Vino

Lo spazio espositivo è ospitato peculiarmente in tre distinti locali (ex cantine site nella centrale Via Vittorio Emanuele) ed è dedicato alla lavorazione dell'uva, prodotto caratteristico dell'economia e della cultura locali.

Leggi tutto...

Eremo di Camaldoli

Sorge sulle pendici del Tuscolo, a 550 metri di quota, immerso tra boschi di lecci e castagni, dove anticamente era ubicata l'antica necropoli, come testimonia il ritrovamento di un antico sepolcro romano.

Leggi tutto...

Osservatorio Astronomico

L'Osservatorio venne progettato nel 1939 in seguito alla donazione, da parte di Hitler, di un telescopio equatoriale Schmidt, ed è stato terminato solo nel 1965 a causa dei danni e dei rallentamenti portati dal conflitto mondiale.

Leggi tutto...

Villa Parisi

E' una delle dodici Ville Tuscolane, anche detta Villa Taverna perchè fatta edificare da Monsignor Ferdinando Taverna, governatore di Roma sotto il pontificato di Clemente VIII, su un terreno acquistato dagli Altemps, sul quale erano ancora i resti di una cisterna romana.

Leggi tutto...

Barco Borghese

Il vasto complesso archeologico costituito da una vasta spianata quadrangolare ornata da una fontana in pietra di tufo e disegnata da un muro di epoca rinascimentale, visibile lungo la strada che congiunge Monte Porzio Catone a Frascati.

Leggi tutto...

Villa Mondragone

L'elegante edificio appartiene al complesso delle Ville Tuscolane ed è oggi sede di attività congressuali e culturali dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Il nome della residenza deriverebbe dal drago rappresentato nello stemma araldico di Papa Gregorio XIII, primo illustre residente della Villa.

Leggi tutto...

Chiesa di San Gregorio Magno

L'attuale Duomo di Monte Porzio risale al 1666, quando fu ricostruito dalle fondamenta in seguito alla completa demolizione della preesistente chiesa, anch'essa dedicata a San Gregorio Magno.

Leggi tutto...